Infant Reminder

Mai più bambini dimenticati nei veicoli!

free templateForse la fretta, forse i pensieri che angustiano ogni adulto, hanno distratto migliaia di genitori in tutto il mondo causando immani tragedie e lo stillicidio dei bimbi dimenticati nei veicoli.
Negli Stati Uniti questo tipo di incidente provoca mediamente 38 morti all’anno, quasi tutti tra la primavera, l’estate e l’inizio dell’autunno e nella maggior parte dei casi si tratta di bambini con meno di due anni, dimenticati in macchina da persone sane e “normali”, genitori solitamente attenti e premurosi, vittime di un’occasionale distrazione.
Il Washington Post riportò alcune storie e alcune conversazioni avute allora con i genitori dei bambini morti negli ultimi anni, e con neurofisiologi ed esperti della memoria, da cui emerse che la distrazione fatale è spesso legata a una serie di coincidenze e di fattori molto simili in tutti i casi (stanchezza, mancanza di sonno, piccole variazioni nella routine quotidiana).
Non esiste un profilo-tipo del genitore che dimentica il figlio in macchina: capita a gente solitamente distratta come anche ai maniaci dell’organizzazione e del "tutto sotto controllo", a persone molto colte e a persone con bassi livelli di istruzione.

Come funziona Infant Reminder?

css template

Prima di iniziare il percorso, l'utente, lancia l’applicazione e inserisce un indirizzo di destinazione, manualmente oppure prelevandolo dalle destinazioni preferite, precedentemente salvate.
Non appena premuto il tasto "AVVIA", l'applicazione controllerà il percorso, allertando l'utente, periodicamente e automaticamente, con allarmi sonori e visivi, sia durante il percorso, sia in prossimità dell'arrivo, sia dopo 10 minuti dall'arrivo a destinazione, se l'applicazione non è stata ancora arrestata, sintomo di probabile dimenticanza e deconcentrazione.
L’applicazione consente, altresì, di inviare degli SMS o dei messaggi email, rispettivamente, a un numero di telefono o a un indirizzo di posta elettronica, precedentemente memorizzati.
A tale scopo, non appena raggiunte le percentuali di viaggio pianificate, appariranno automaticamente delle finestre, accompagnate da allarmi sonori e visivi.
I messaggi proporranno all'utente le scelte di:

1. posticipare i promemoria dopo 5 minuti

2. inviare un SMS o un email

3. chiudere le finestre.

Un ulteriore allarme, non configurabile, perverrà all'utente quando il veicolo si troverà nelle immediate vicinanze dell'arrivo.
Le impostazioni di configurazione, attivabili soltanto a navigazione interrotta, consentono facoltativamente di:

1. Attivare o disattivare l’avvertenza iniziale

2. Attivare o disattivare l'allarme sonoro e/o visivo

3. Impostare fino a tre percentuali del viaggio al raggiungimento delle quali ricevere gli allarmi

4. Memorizzare un numero di telefono al quale inviare un SMS

5. Memorizzare un indirizzo email al quale inviare un messaggio di posta elettronica

6. Selezionare la suoneria per l'allarme sonoro.

ATTENZIONE! Anche se utilizzato correttamente e conformemente al suo specifico scopo, l’applicazione serve solo come sicurezza supplementare.
La responsabilità giuridica della sicurezza del bambino ricade sui genitori o su chi ne fa le veci, Art. 148 c.c. e Art 30 Cost.
L’applicazione non rappresenta un tentativo di elusione, sostituzione o moderazione della responsabilità genitoriale e dei corrispondenti obblighi di legge.

Consulta online la guida utente di Infant Reminder

Preleva la guida utente di Infant Reminder in formato PDF

Guarda la videoguida di Infant Reminder

Guarda la video intervista a Giuseppe Ferrito, il papà di Infant Reminder

  • Cos'è Infant Reminder?

  • La prima app al mondo, per smartphones e tablets, totalmente gratuita, in grado di scongiurare il pericolo di dimenticare i bambini nei veicoli.

 

Donate per salvare i bambini

 

Tutte le donazioni ricevute da Infant Reminder, saranno utilizzate allo scopo di salvare i bambini in tutto il mondo e a diffondere il messaggio ai genitori e a chi ne fa le veci per evitare queste orribili tragedie.

 

Come succede, di solito?

 

Ogni volta l’incidente si ripete secondo una successione di eventi molto simile: un genitore particolarmente stanco, stressato o agitato per qualche cambiamento imprevisto nella routine quotidiana, dimentica di lasciare il figlio da qualche parte (di solito all’asilo nido) e prosegue la giornata come se lo avesse fatto.

Poi, dopo poche o molte ore, ma sempre troppo tardi, arriva un momento in cui un qualche segnale ricorda al genitore l’irreparabile disattenzione, di solito una telefonata del coniuge o qualsiasi cosa che rievochi il pensiero del figlio.

Segue una disperata corsa verso la macchina parcheggiata sotto il sole, e la tragica scoperta.

Ma ci sono anche casi di genitori che tornano in macchina e, senza accorgersi del corpo sul seggiolino sul sedile posteriore, non si rendono conto di quel che è successo finché non tornano all’asilo nido per riprendere il figlio che non hanno mai lasciato lì.

La temperatura all’interno di una macchina al sole, per effetto dei vetri trasparenti e delle parti interne soggette a rapido surriscaldamento (cruscotto, sedili, volante), può salire di 10 o 15 °C ogni quarto d’ora, fino a raggiungere i 50 °C anche con una temperatura esterna di soli 25 °C.

Per di più, la temperatura corporea di un bambino sale più velocemente rispetto a quella di un adulto, a causa della minore superficie corporea e della minore quantità di riserve di acqua: date queste condizioni, l’ipertermia in un bambino dimenticato in macchina può verificarsi anche in 20 minuti e la morte entro 2 ore.